A  v’gìlia dî Natàli d’ st’ témp smarrù

Anche Tanino Platania, elegante poeta gallo-italico, canta il suo Natale, raccontando l’occasione mancata di un incontro con Gesù, in un tempo in cui prevalgono altri interessi e soprattutto quelli della tavola e del gioco. Ma Gesù Bambino nasce ed è comunque luce per tutti.

.

A  v’gìlia dî Natàli d’ st’ témp smarrù

D’ mattìngh’,

siddu u sö m’ döna a casiöngh’ d’annè pâ via

a scuntrè cu passìa:

ggh’è cu ciàng,

ggh’è cu rìd,

cu s’ sciarrìa

e cu purmunìa

…e nudd ch’ pénza a Déu.

Siddu u témp p’cchiulia

m’ n’ stöia ‘ncasa mia:

ggh’è cu ciàng,

ggh’è cu rìd

cu s’ sciarrìa

e cu purmunìa…

…e nudd ch’ pénza a Déu.

Ô dop’mangè,

tra ‘na zz’cch’nètta e ‘na scöva cu a pr’mera,

vài griànn ad â carr’ttéra

p’rchì d’ ‘ncàv u tavulingh’

m’ vonu ddèvè a cannatèdda û vìngh’.

Ad â séra,

’na v’ccétta r’nsavù,

voggh’ savèr u fàit com fu

d’ Cö ch’ ciamöma Gesù

e, accuscì, prima ch’a campana sona

-d’ già, höia dàit basta ad â cona-

m’ vì föra p’ annèr ad â méssa d’ menzanöit,

ma, nauseà e tönn cöit

zèrch, prima, d’ smurtè i vampi ch’ ggh’ höia d’ncòdd

ma, ciù stöi föra, ciù r’mòdd.

Ô scur ô scur e cu l’öggi a pampanèdda,

nan r’nèsc a scarì mànch’ ‘na stédda

-m’ sent  còm n’asgéu cadù dû  nì-

abéstra, scöntr u parrìngh’, ch’ m’ disg ch a méssa f’nì

e  menu mau ch’u Bamìngh’ ch’ nascì

pénza sèmpr p’ mì  e p’ tì,

senza véd siddu ggh’è u sö o siddu scurì.

Sabanadìca, Gesù!

                                                                                       Tanino Platania

………………………………………..

 

La vigilia di Natale

 

Quando si fa mattina,

E il sole mi permette di uscire,

Incontrando chi per strada è a passeggiare:

c’è chi piange,

c’è chi ride,

chi fa un litigio

e chi si lagna

… ma nessuno pensa a Dio.

Se la pioggia, invece, sui vetri picchiettia

Tranquillo me ne resto a casa mia:

c’è chi piange,

c’è chi ride,

chi fa un litigio

e chi si lagna

… ma nessuno pensa a Dio.

Dopo mangiato,

Tra una zecchinetta e una scopa con primiera,

Vado gridando come un carrettiere,

Perché, da sopra il tavolino,

Qualcuno fa sparire il fiasco con il vino.

Quando a sera il cielo sì è scurito,

Appena appena un poco rinsavito,

Voglio saper di come fu quel fatto

Di colui che chiamano Gesù;

E così, prima che suoni la campana,

– fatto fuori tutto quello ch’era in tavola –

Sono fuori per la messa a mezzanotte.

Ahimè mi sento nuseato e tutto cotto;

Le fiamme vorrei spegner che porto addosso,

Ma più sto all’aria fresca e più m’affloscio.

Nel buio fitto,

Gli occhi di sonno pieni,

Non una stella che in chiesa mi meni

– sto come uccello dal nido caduto –

E incontro il prete; a messa ormai finita.

Fortuna che il Bimbo, adesso nato,

Pensa per me e per te,

E non fa caso se il sole c’è

o se nel mondo il buio è!

«Mi benedica, Signore Gesù!».

                                                                                       Tanino Platania

 

Libera versione in Italiano di Maurizio Prestifilippo

 

La foto di copertina é: “Cattedrale, neve!” di Giuseppe Di Vita 


Testata giornalistica registrata con il n. 45 del 6 ottobre 1983 del Tribunale di Enna. Direttore Responsabile Dott. Maurizio Prestifilippo

Via Roma 65 - 94015 Piazza Armerina e-mail: info@orizzontisicilia.it