U MI  NATALI

Pino Testa, decano dei poeti dialettali piazzesi, ci offre una immagine del Natale sul filo della nostalgia. E’ il tempo della fanciullezza, quando a guardare la vita, erano gli occhi di un bambino, la festa irrompeva come un momento magico. Poi la mente e il cuore si sono, per così dire, disincantati … in una società dove il dilagante consumismo, ha cancellato i sapori della tavola e calpestato i valori della vita.

.

 

U mi Natali

Tu fusti u latru, tu témp’ sch’ffiös’

d’ cö Natali mì, cö d’ carös’!

Nan scinni ciù câ to parrucca u Mönt’

oh amicu d’ l’étà ch’ nan ggh’è ciù!

 faita î cönti, n’ sbagghiàmu u cönt’

e n’ f’nì â tré tubi, â frustutù.

Eri sp’ttà d’ mì …cu tant’ briu

e rr’zz’vù cu tant’ d’ cappéu.

Ma pöi u témp’ a tì, t’ fés’ viu

e a mì…br’gànt’ e cosa d’ cutéu.

Natali. U bèu Natali d’ na vota!

Quànn’ è ch’ i puzzuddàti e i passulöi,

i sfingi e i cassatèddi d’ rr’cöita,

ié mî cuddàva sani, â döi â döi.

I cöi cû baccalà fr’zzù o biàngh’,

i bastardöi, u brocculu fucà…

döi ol’vètti e a canattèdda ô sciangh’,

stutava a ssé dâ mia gulus’tà .

Na giönta d’ n’zzòli, döi lupini,

na fèdda d’ mustàrda, ‘ncudd’röngh’…

Cû ddi bursètti önci e i naschi cini,

ié nan s’ntéva last’mi o rrasgiöngh’.

Pov’ri cosi n’ tanta car’stia!

cumpuru cöss’, u mönn’ annàva dritt’.

L’amör’ era nê casi, â via via…

ancu s’ s’ mangiàva pangh’ schitt’!

Nént’ ha rr’stait’ ciù, frinnuli, cosi…

ch’a camula dû témp’ fa murì.

Rr’gordi “fatui”, frivoli, dulösi,

d’ cösta società ch’ l’aucc’dì

Oh Bam’nèddu mì, Baminu béu!

Öra ch’ sign’ véggh’ e straccurà,

parra…parra a to Mà, ô Spir’tu Santu, a Déu,

p’ st’ Natali ch’ m’ fu rubà…!

…..

                                                 Pino Testa

 

…………………….

 

Il mio Natale

Sei stato tu il ladro, tu, terribil tempo,

Di quel Natale mio, di quando ero bambino!

Adesso non scendi più col bianco manto al Monte.

Oh amico mio di quell’età che non c’è più!

In fin dei conti, sbagliammo il risultato:

A entrambi andò così. Restammo in aria!

Io t’aspettavo con ardore,

E quando infine c’eri,

Ti ricevevo  con il cappello in mano.

Ma il tempo poi ti fece vile,

E anch’io divenni…. brigante e uomo di coltello.

Oh Natale! Il bel Natale di una volta!

Sulla tavola buccellati e fichi secchi,

Sfingi e cassatelle di ricotta,

Che io mangiavo intere, due alla volta.

I cavoli col baccalà, quello  fritto o in bianco,

I bastardoni, il broccolo affogato…,

Due olive e al fianco di vino una brocchetta,

Che spegneva la sete della mia golosità.

Le mani piene di nocciole, una  manciata di lupini,

Una formella di mostarda,  pasta di pane, rubata alla cucina..

Che Natale! Gonfie le tasche e piene le narici,

Io non sentivo, lamenti né ragioni.

Povere cose in tanta carestia,

Eppure il mondo andava dritto.

Amore c’era nelle case, amore per le vie della Città,

Eppure si mangiava pane e pane!

Niente c’è più adesso del tempo andato,

frivolezze tutte che il tarlo ha consumato.

Ricordi evanescenti, leggeri, dolorosi,

uccisi, dal cinismo di questa Società!

Oh Bambinello mio, Bambino bello!

Ora che sono vecchio e trasandato,

parla, parla alla tua Mamma, allo Spirito Santo e a Dio,

chiedi del bel Natale che il tempo mi rubò…!

                                                             Pino Testa

 

Libera versione in Italiano di Maurizio Prestifilippo

La foto di copertina è La neve a Piazza di Sebi Arena


Testata giornalistica registrata con il n. 45 del 6 ottobre 1983 del Tribunale di Enna. Direttore Responsabile Dott. Maurizio Prestifilippo

Via Roma 65 - 94015 Piazza Armerina e-mail: info@orizzontisicilia.it