Tagged gallo-italico

A  v’gìlia dî Natàli d’ st’ témp smarrù

Anche Tanino Platania, elegante poeta gallo-italico, canta il suo Natale, raccontando l’occasione mancata di un incontro con Gesù, in un tempo in cui prevalgono altri interessi e soprattutto quelli della tavola e del gioco. Ma Gesù Bambino nasce ed è comunque luce per tutti. . A  v’gìlia dî Natàli d’ st’ témp smarrù D’ mattìngh’,…

U MI  NATALI

Pino Testa, decano dei poeti dialettali piazzesi, ci offre una immagine del Natale sul filo della nostalgia. E’ il tempo della fanciullezza, quando a guardare la vita, erano gli occhi di un bambino, la festa irrompeva come un momento magico. Poi la mente e il cuore si sono, per così dire, disincantati … in una…

Natali è

.  Aria briösa… ch’ russëa ntê facci Boschi ncantàdi cu i rami lum’nadi… Canti ‘nsciurùi nê böcchi dî carusgi, dop mill’anni ch i cant’nu i carruggi! Fö p’ caudìè a tannöra dû puvréu Grat ô boncòr d’ cu ha p’nzàt a iéu. ‘Höi traff’chiat… p’ fè sta tavulada… Ié parr… ma m’ piasgì l’era vutada!…

I “Rrusùghhi” di Pino Testa

Nella ultima opera pubblicata il poeta dialettale piazzese passa in rassegna immagini, pensieri e sentimenti della “Ciazza” degli ultimi novant’anni. . Sono ancora i valori veri: il matrimonio, l’amicizia, la sincerità. Sono ancora “i vecchi tempi”, quelli che oramai appartengono solo al ricordo, i vecchi tempi di una “Ciazza” ordinata, pulita e fastosa, a snodarsi,…

Testata giornalistica registrata con il n. 45 del 6 ottobre 1983 del Tribunale di Enna. Direttore Responsabile Dott. Maurizio Prestifilippo

Via Roma 65 - 94015 Piazza Armerina e-mail: info@orizzontisicilia.it