Lo sterminio dei boschi siciliani

Legambiente si sveglia e denuncia alla Procura della Repubblica di Caltanissetta il più grave scempio ambientale programmato dalla Regione Siciliana negli ultimi anni.

Sarebbe fuori legge anche la centrale a biomasse di Dittaino. Migliaia di ettari di boschi sacrificati per produrre energia. Ma la legge non lo consente!

I boschi siciliani non hanno tregua e, sembra un paradosso, gli alberi scampati agli incendi distruttivi di questa estate stanno cadendo ora sotto i colpi delle motoseghe per essere bruciati a fini energetici.bosco tagliato

Dopo il caso denunciato lo scorso novembre riguardante i boschi demaniali di Altofonte a Palermo, ora il più grave caso dell’utilizzazione a San Cataldo e Caltanissetta di migliaia di ettari di eucalitteti del demanio forestale regionale per alimentare la centrale a biomasse realizzata da qualche anno nella zona industriale di Dittaino (Enna) dalla Sper e recentemente acquistata dalla Friel Green Power.

«Si tratta di interventi irrazionali e non conformi alle norme di gestione forestale sostenibile – denuncia Angelo Dimarca, Responsabile regionale del Dipartimento conservazione natura di Legambiente Sicilia. Le norme vietano il taglio a raso delle fustaie e subordina gli interventi alla redazione di piani di gestione che la Forestale siciliana non ha mai approvato. Per anni il grande business è stato rimboschire e ripiantare le aree distrutte dal fuoco, ora è diventato quello di tagliare i boschi realizzati con grande fatica. In una Regione a grave dissesto idrogeologico e rischio desertificazione ciò non può essere consentito». ???????????????????????????????

Angelo Di Marca

Legambiente denuncia da anni l’assenza dei piani di gestione forestale, per ogni complesso boscato, obbligatori per legge e l’esecuzione di lavori al di fuori di ogni minima e seria programmazione e chiede un immediato blocco dei lavori e la rivisitazione dell’intero piano della Forestale regionale di abbattimento dei boschi demaniali  e di utilizzazione delle biomasse, che non risponde a nessun criterio ambientale né dal punto di vista forestale né da quello energetico.

Le utilizzazioni delle biomasse  dovrebbero avvenire con centrali di ridotta potenza (massimo 1 MW) con l’obiettivo di alimentare gli impianti esclusivamente utilizzando a fini energetici gli scarti delle normali lavorazioni agricole e forestali  prodotti su piccoli territori e quindi  raccolte nell’ambito di filiere corte: in questo caso invece si è sovvertito questo principio e invece di bruciare ciò che non serve si tagliano i boschi pubblici per alimentare la centrale che, sovradimensionata (oltre 18 MW di potenza elettrica e 60 MW di potenza termica), necessita di continui apporti di legname in quantità enormi con un impatto devastante sui boschi demaniali concessi dalla Regione ai privati.


Testata giornalistica registrata con il n. 45 del 6 ottobre 1983 del Tribunale di Enna. Direttore Responsabile Dott. Maurizio Prestifilippo

Via Roma 65 - 94015 Piazza Armerina e-mail: info@orizzontisicilia.it