Enna, tre arresti per estorsione

Taglieggiavano le aziende della zona industriale del Dittaino

– La polizia, su richiesta della Dda di Caltanissetta, ha eseguito tre ordinanze di custodia cautelare nell’ambito dell’inchiesta su mafia ed estorsioni “Homo novus” che a settembre 2013 ha sgominato un gruppo criminale di Leonforte (Enna).  Gli arrestati sono Giuseppe Cuccia, 39 anni, alias “Orzowei”, di Agira (En); i fratelli Alex e Simon Fiorenza di Leonforte figli di Giovanni Fiorenza che per gli inquirenti sarebbe “l’uomo nuovo” che avrebbe dovuto riportare Cosa nostra “ai tempi d’oro” delle estorsioni. Il gruppo aveva il permesso di operare su un’area vasta che comprende diversi comuni ennesi, tra i quali Nicosia, Assoro, Nissoria, Leonforte e soprattutto la zona industriale del Dittaino. Il principio era quello di evitare richieste eccessive che, in un momento di crisi, avrebbero potuto spingere le vittime a denunciare. In questo modo tutte le attività produttive del territorio avrebbero pagato in silenzio. Le ordinanze sono state emesse per una richiesta di pizzo ai danni di un’impresa che doveva svolgere lavori in un centro commerciale, alla quale venne chiesta la “messa a posto”, ma sono emersi anche altri episodi di imprenditori minacciati per avere presentato offerte ed essersi aggiudicati lavori senza avere chiesto il “permesso” ai Fiorenza. Le indagini sono state svolte dal commissariato di Polizia di Leonforte.


Testata giornalistica registrata con il n. 45 del 6 ottobre 1983 del Tribunale di Enna. Direttore Responsabile Dott. Maurizio Prestifilippo

Via Roma 65 - 94015 Piazza Armerina e-mail: info@orizzontisicilia.it