Il degrado della Costa

Si registra un pericolo costante in zona Costa S. Francesco, in via Pittà e parzialmente in via Misericordia. Nel centro storico del quartiere Monte esistono realtà ben diverse da quello che si potrebbe immaginare e la situazione è spesso drammatica in questo lembo cittadino. Qualche turista si è avventurato in quella zona e il commento più positivo è stato: «ma dove siamo finiti?». In realtà hanno ragione da vendere, visto che si sono trovati in un luogo altamente pericoloso e degradato. Da tempo i residenti chiedono un intervento mirato che riqualifichi la zona, compreso il rifacimento della sede stradale ripristinata malamente dopo i lavori eseguiti da AcquaEnna per il rifacimento della rete idrica. Per comprendere la gravità delle condizioni dell’area, bisogna andare fisicamente a verificare in che situazione di degrado siano costretti a vivere i residenti della Costa S. Francesco, ubicata nel centro storico del quartiere Monte. Ma la cosa più grave per l’incolumità dei cittadini è l’assoluta mancanza di una protezione adeguata dal lato della strada dove c’è un pericoloso dirupo, anticamente chiamato dai piazzesi “ fumarazzu “ in quanto in quel dirupo veniva buttata ogni sorta di spazzatura, senza nessuna regola. Dall’alto della strada si gode della vista panoramica di una parte del quartiere Castellina e vengono i brividi anche solo a pensare che qualcuno, specialmente bambini, potrebbe mettere inavvertitamente un piede in fallo e precipitare giù dal pericoloso pendio. E’ stato chiesto più volte un intervento mirato adegrado costalla salvaguardia delle persone e delle auto, ma l’unico sopralluogo, a cui non è stato dato alcun seguito, è stato fatto dai responsabili dell’ufficio tecnico. Ne è passata acqua sotto i ponti ma la situazione non è cambiata, anzi è meglio dire che è stata “dimenticata“. Sistemare e mettere in sicurezza il baratro della Costa San Francesco è urgente, sempre che questa amministrazione comunale riesca a concretizzare un intervento serio.

Piero Cancarè


Testata giornalistica registrata con il n. 45 del 6 ottobre 1983 del Tribunale di Enna. Direttore Responsabile Dott. Maurizio Prestifilippo

Via Roma 65 - 94015 Piazza Armerina e-mail: info@orizzontisicilia.it