POESIA

A  v’gìlia dî Natàli d’ st’ témp smarrù

Anche Tanino Platania, elegante poeta gallo-italico, canta il suo Natale, raccontando l’occasione mancata di un incontro con Gesù, in un tempo in cui prevalgono altri interessi e soprattutto quelli della tavola e del gioco. Ma Gesù Bambino nasce ed è comunque luce per tutti. . A  v’gìlia dî Natàli d’ st’ témp smarrù D’ mattìngh’,…

U MI  NATALI

Pino Testa, decano dei poeti dialettali piazzesi, ci offre una immagine del Natale sul filo della nostalgia. E’ il tempo della fanciullezza, quando a guardare la vita, erano gli occhi di un bambino, la festa irrompeva come un momento magico. Poi la mente e il cuore si sono, per così dire, disincantati … in una…

Natali è

.  Aria briösa… ch’ russëa ntê facci Boschi ncantàdi cu i rami lum’nadi… Canti ‘nsciurùi nê böcchi dî carusgi, dop mill’anni ch i cant’nu i carruggi! Fö p’ caudìè a tannöra dû puvréu Grat ô boncòr d’ cu ha p’nzàt a iéu. ‘Höi traff’chiat… p’ fè sta tavulada… Ié parr… ma m’ piasgì l’era vutada!…

Dalla parte degli ultimi

. Sesso, consolazione della miseria! Sesso, consolazione della miseria! La puttana è una regina, il suo trono è un rudere, la sua terra un pezzo di merdoso prato, il suo scettro una borsetta di vernice rossa: abbaia nella notte, sporca e feroce come un’antica madre: difende il suo possesso e la sua vita. I magnaccia,…

Le croci nel cuore

Da “Il porto sepolto” 1916 – Giuseppe Ungaretti . San Martino del Carso Valloncello dell’Albero Isolato il 27 agosto 1916 di Giuseppe Ungaretti   Di queste case non è rimasto che qualche brandello di muro Di tanti che mi corrispondevano non è rimasto neppure tanto Ma nel cuore nessuna croce manca E’ il mio cuore…

I “Rrusùghhi” di Pino Testa

Nella ultima opera pubblicata il poeta dialettale piazzese passa in rassegna immagini, pensieri e sentimenti della “Ciazza” degli ultimi novant’anni. . Sono ancora i valori veri: il matrimonio, l’amicizia, la sincerità. Sono ancora “i vecchi tempi”, quelli che oramai appartengono solo al ricordo, i vecchi tempi di una “Ciazza” ordinata, pulita e fastosa, a snodarsi,…

Vösg d’ Ciazza

Protagonista assoluto della serata di sabato scorso, al Circolo di Cultura, è stato un vecchio socio, ormai scomparso da tempo, ma il cui passaggio tra le colonne dell’istituzione piazzese, ha lasciato il segno. Si tratta di Ernesto Caputo, personaggio un po’ leggendario, poeta dialettale, pittore, versato nella musica, grande cacciatore, amico di straripante simpatia, di…

Tra le braccia dei Taberna Mylaensis

Nella vasta produzione dei Taberna Mylaensis “Fammi ristari ‘nto menzu di to brazza” oltre che per la dolcissima musica si distingue per un testo poetico che affonda le radici nella tradizione siciliana. . Fammi ristari ‘nto menzu di to brazza   Fammi ristari ‘nto menzu di to brazza, Dammi un bacittu cu’ sta buccuzza rosa….

La passione poetica di Ignazio Buttitta

Nessun poeta siciliano è riuscito mai, come lui, a cantare la tragedia di un popolo oppresso. Cuore, cervello e passione nel suono della sua lingua dolcissima. Un poeta indimenticabile! . U RANCURI (discorso ai feudatari) Chi mi cuntati? io u pueta fazzu! C’è aria di timpesta u sacciu, a vidu: u marusu sata i scogghi,…

Testata giornalistica registrata con il n. 45 del 6 ottobre 1983 del Tribunale di Enna. Direttore Responsabile Dott. Maurizio Prestifilippo

Via Roma 65 - 94015 Piazza Armerina e-mail: info@orizzontisicilia.it