Agenti feriti a seguito di un intervento per lite. Un trentenne di Piazza Armerina, pregiudicato, è stato arrestato.

DI PRIMA Massimiliano 5.1.1982Nella serata del 03 gennaio, gli agenti del Commissariato di P.S. di Piazza Armerina (EN), diretto dal dott. Fabio AURILIO, hanno arrestato DI PRIMA Massimiliano, nato a Piazza Armerina il 05.01.1982, ivi residente, con numerosi precedenti di polizia per truffa, reati afferenti gli stupefacenti, danneggiamento, porto abusivo di armi da taglio ed altro, poichè colto nella flagranza del delitto di resistenza e lesioni aggravate a Pubblico Ufficiale, possesso di sostanze stupefacenti di tipo marijuana (sette semi) e porto di coltello di genere vietato.

 In particolare, alle ore 18.30 circa, tramite il numero di emergenza “113”, veniva segnalato che in una via di Piazza Armerina si stava compiendo l’aggressione ai danni di una donna.

Gli agenti della Volante, immediatamente giunti sul posto della segnalazione, notavano due uomini intenti a sferrarsi calci e pugni, pertanto tentavano di sedare la lite tra i due, provvedendo a bloccarli. Uno dei due litiganti, apparentemente la vittima, per tutta risposta, con particolare ferocia e violenza, afferrava uno dei due agenti per le spalle e, dopo averlo immobilizzato, lo scagliava per terra, provocandogli un trauma alla spalla ed al ginocchio; l’altro agente intervenuto, al fine di difendere il collega, rimaneva anch’egli lievemente ferito.

Grazie al sopraggiungere di altro personale, gli agenti riuscivano a bloccare l’energumeno che, sottoposto a successiva perquisizione personale, veniva trovato in possesso di un coltello a punta della lunghezza di 15 cm e, celato nella tasca sinistra del giubbotto, un involucro cilindrico di cartine, comunemente usate per il confezionamento di sigarette, con all’interno sette semi di sostanza, verosimilmente, stupefacente del tipo marijuana.

 Le motivazioni all’origine dell’alterco tra i due armerini è da ricondurre al fatto che uno dei due aveva preso le difese della propria madre, poiché picchiata dal DI PRIMA, quest’ultimo accusato dalla donna di essere l’autore del furto di una moto appartenente al marito, attualmente detenuto.

 

Per i fatti sopra esposti, gli agenti del Commissariato hanno proceduto all’arresto del pregiudicato, DI PRIMA Maurizio che, su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Enna, dr. Augusto Rio, veniva sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, presso l’abitazione del padre.


Testata giornalistica registrata con il n. 45 del 6 ottobre 1983 del Tribunale di Enna. Direttore Responsabile Dott. Maurizio Prestifilippo

Via Roma 65 - 94015 Piazza Armerina e-mail: info@orizzontisicilia.it