Tra le braccia dei Taberna Mylaensis

Nella vasta produzione dei Taberna Mylaensis “Fammi ristari ‘nto menzu di to brazza” oltre che per la dolcissima musica si distingue per un testo poetico che affonda le radici nella tradizione siciliana.

.

Fammi ristari ‘nto menzu di to brazza

 

Fammi ristari ‘nto menzu di to brazza,

Dammi un bacittu cu’ sta buccuzza rosa.

Tenimi strittu e fammi na carizza,

Non mi lassari resta a mia vicinu.

Non mi lassari resta a mia vicinu.

 

Fammi ristari ‘nto menzu di to brazza,

Fammi tuccari na picca sutta a vesti.

Porta la manu ‘nto menzu a stu giardinu:

Non mi lassari resta a mia vicinu.

Non mi lassari resta a mia vicinu.

 

Fammi ristari ‘nto menzu di to brazza.

Scantu n’aviri si la to matri veni,

Strinciti forti ca ti vogghiu bbeni;

Non mi lassari resta a mia vicinu.

Non mi lassari resta a mia vicinu

 

Fammi ristari ‘nto menzu di to brazza

Vardimi ‘nta l’occhi non ristari morta

Scantu n’aviri non ti fazzu mali

Teniti stritta resta a mia vicinu

Teniti stritta resta a mia vicinu


Testata giornalistica registrata con il n. 45 del 6 ottobre 1983 del Tribunale di Enna. Direttore Responsabile Dott. Maurizio Prestifilippo

Via Roma 65 - 94015 Piazza Armerina e-mail: info@orizzontisicilia.it